domenica 25 ottobre 2009

stefanobenni

stefano benni è il mio scrittore italiano preferito.
il mio incontro con lui avvenne in circostanze strane, nel senso che un professore lo citò in una sua lezione, e questo nome mi rimase impresso nella mente per giorni.
poi scaricai il bar sotto al mare, che mi fece ridere per un po', ma alla lunga mi stufai. lo abbandonai, lo lascia lì fino ad aprile o maggio di quest'anno: ma poi la curiosità ebbe vinto il senso di paura che mi aveva lasciato un racconto di questo romanzo, e lo ripresi tra le mani. Anche se on terminai mai questo romanzo ne lessi altri: ne divorai due in una settimana, Marghrita dolcevita e Saltatempo, e ad agosto lessi la compagnia dei celestini e iniziai comici spaventati guerrieri. ma quest'uomo, con la sua ironia, anche se a tratti non ha un turpiloquio finissimo, mi hanno regalato momenti stupndi.
giornate al mare passate in compagnia dei personaggi creati dalla mente eccelsa di questo scrittore, notti passate a ridere come una scema, perché il suo senso dell'umorismo è enorme.
so che dovrebbe uscire un suo nuovo libro, quello che non ho capito è se è già uscito o se deve ancora uscire. ho letto il primo capitolo su internet e non mi sembrava male, leggero ed ironcio come ogni cosa che scrive. comunque, pubblicizzo questo scrittore che reputo eccelso. Il problema è che scrittori di basso livello come Federico moccia (non me ne vogliano i uoi fan) siano più conosciuti di Benni, ed anche romanzi come Twilight che ono carini, abbiano provocato un fenomeno letterario elevatissimo, oscurando quest'uomo. mi raccomando, queste sono solamente

opinioni personali, quindi non mettetemi in croce per questo!
ieri sera ho visto )cosa dovrei dire altrimenti?) "la custode di mia orella"di cui avevo già divorato il romanzo, e devo dire che anche se non sono per niente una fan della televisione questo è stato un bel film.
Per favore, cari Flame, tenetevi alla larga dal mio blog, perché dopo quello che è successo ier non esiterò a cancellare i vostri commenti senza nemmeno discutere.
un bacio
Minerva