martedì 12 gennaio 2010

dolci pre-durante-post Natale ovvero come sopravvivere alla quantità di roba ingerita.

non sono esattamente il tipo definita minuta, esile, gracile o tantomeno asciutta. non sono nemmeno un baule, semplicemente, mangio.
E soprattutto, coi dolci pre-durante-post natale, ogni persona dotata di una passione che ama mangiare e di una certa mancanza di autocontrollo, impazzisce davanti a:
1. tutti quei deliziosissimi biscottini alla cannella, zenzero e simili.
2. il pan pepato, i dolcetti che porta il san Niccolaus il 6 dicembre e soprattutto, agli immancabili panettone e pandoro, semplici o farciti.
3. le goloserie che ti vengono regalate a Natale, perché non sanno cosa regalarti, e quindi ti propinano nell'ordine: cioccolatini di ogni forma e gusto, biscotti al burro (fanno schifo), marron Glace o come cavolo si scrive e pure la frutta secca, perché io quando mi ci metto posso diventare una fogna a cielo aperto.
4. le due panettonate in classe, mi sono contenuta, più gli avanzi del caffé natalizio che aveva organizzato la mamma con alcune amiche.
5. il cenone della vigilia ed il pranzo di natale, il 24 non ho mangiato poi molto, ma il 25, visto che la bisnonnatenace aveva cucinato per un reggimento ho dato il meglio di me.
poi in montagna, che con questo freddo becco bisogna assumere calorie, e tra cioccolate calde, biscotti fatti freschi dalla zia e i resti di panettone si mangia anche là. capodanno è un discorso a parte, ho mangiato il triplo del normale, perché la mamma ci aveva nutriti prima, invece la sottoscritta, che è colpevole di ingordigia, si è mangiata anche quello che gli amici dei miei avevano preparato, con la scusa che non è cortese dire di no alla padrona di casa.
ed adesso? no, la tortura non è finita qua. perhcé ci sono tutti gli avanzi, il pane dei re magi e la maledettamente buona sacher che la nonna ha ordinato da Vienna!!!!!
Ed insomma, io non ho il coraggio di pesarmi. Vabbé, se mi confrontano agli scriccioli pelle e ossa che ho per compagne, posso tranquillamente definirmi sopra la media, però diciamo che io a mia discolpa posso dire che amo mangiare!!! che gusto ci sarebbe se non ci fosse il cibo? Adesso sto ragionando come se fossi un baule di cento chili, ma lasciamo perdere.
sono ancora a casa malalta, sanotte avrò dormito due ore in croce, e ho una tosse secca allucinante!!!!
ho appena finito di studiare, quindi mamma, non mi tartassare più!!!
bacioni
minerva

1 commento:

Federica ha detto...

pure io non mi sono risparmiata nelle vacanze...e nel post vacanze!!