sabato 9 gennaio 2010

giovedì c'è il test di francese. ho studiato la parte di grammatica oggi. i vocaboli? li studio domani, e mi devo mettere sotto.
oggi ho fatto una caterva di esercizi di mate ed i questionari di italiano.... sono a pezzi.
ma beh, quello che mi da fastidio è questa solitudine che mi opprime. perché è opprimente.
e poi, nessun commento allo scorso post, pochi ai precedenti. e questo blog beh, mi sembra un calvario già solo a rileggerlo, figuriamoci per i poveri sventurati malcapitati lettori.
e ho cominciato il nuovo libro di Benni, un delirio di ironia, una risata via l'altra, è lunica cosa che mi strappa un sorriso, ultimamente.
Se non il nuovo cd di baglioni e la prospettiva che stasera c'è L., che con i suoi racconti mi mette sempre di buon umore. ma sono io quella sbagliata? no, sono semplicemente diversa, diversa dagli altri, diversa da quella classe maledeta. e non cambio mai argomenti del post: libri, musica, compagni e riflessioni assurde. wow!!!!!!!! e c'è gente che soffre anche più di me (non che io soffra molto), ed invece è dotata di un ottimismo, di una forza di credere negli altri, che la sottoscritta non ha. perché? perché è il mio carattere.
e vabbé. non ci posso fare niente se sono fatta storta, non è del tutto colpa mia. nota: con l'essere storti non intendo la mia cecità, sia ben chiaro.
La citazione del giorno, guarda caso, viene proprio da Stefano Benni, e non l'ho scelta io, ma l'archivio di citazioni di wikipedia: La vita di un puntuale è un inferno di solitudini immeritate. probabilmente è vero, ad essere razionali ci si guadagna ben poco, ma è una mia opinione, non intendo offendere nessuno.
E capisco che nessuno commenti i miei post, a parte i soliti due o tre. E chi è che poi andrebbe a commentare i post di una povera preadolescente patetica e incavolata con l'universo creato? nessuno, direi.

ma è ovvio.
ho una voglia matta di uscire con S., lunedì la vedo, e speriamo non piova. perché lei, nonostante i suoi cinquantanni suonati, nonostante tutto, riesce sempre a farmi sorridere un po' del suo romanticismo incondizionato, un po' dei suoi strafalcioni grammaticali. Parla quella che scrive dei post che sembrano usciti dalle mani di una persona che non ha mai scritto. ed invece, mi ostino a fare la secchiona.... perché è una maschera anche la mia, infatti, oggi dopo aver studiato per due ore e mezza mi sono stufata.
ed adesso basta.
adesso non correggo nemmeno il post, tanto non lo legge nessuno.
baci
minerva

3 commenti:

Minou ha detto...

io lo leggo, ma tranquilla. correggere il post non è importante, ci va benissimo così!

minerva ha detto...

hai ragione, sei un utile sostegno morale!!!
baci

Anna ha detto...

Be', anche io ti leggo spesso, ma non commento mai. Approfitto di questo post per dirti che io ti ammiro moltissimo: dalle tue parole, e da tutto quello che fai, traspare davvero una grande forza.
Un abbraccio!