giovedì 11 febbraio 2010

la divina commedia parte 1

ne parlerò spesso, della divina commedia. che è proprio divina, eccelsa, intrigante, con metafore sottili e ben costruite e soprattutto, quei personaggi che puoi interpretare a tuo piacimento, ma non troppo, e che restano un po' velati. sono al terzo canto, quello sui folli e su Caronte. che cosa ammirevole che ha scritto il sommo poeta!!! non so se tra i miei lettori (Castagna a parte) c'è qualcuno che ha questa smodata passione per la divina commedia. è strano dire così, visto che ho letto tre canti. ma mi piae, mi piace armarmi di dizionario e vocabolarietto personale, cercare i termini che non comprendo e poi trascriverli in ordine alfabetico. favoloso, direi!!! sublime il cercare, il trascrivere, il saggiae il suono di un vocabolo sulla punta ella lingua e confermare che ancora una volta Dante ed il mio prof di italiano hanno fatto centro nel mio animo: Dante per la sua metrica sublime, il prof perché me lo consiglia sempre.
e dovrò mettere fra i libri preferiti del profilo la divina commedia...
ed ora dopo questo sproloquio vi lascio
minerva

4 commenti:

mibemolle ha detto...

o avevo una professoressa al Liceo che me l'ha fatta studiare come l'Avemaria....
per tre anni tre. un anno l'inferno, uno il purgatorio e uno il paradiso, senza saltare nessun canto.
Lei era bravissima e noi la seguivamo incantati come i topolini seguono il pifferaio magico....

Aglaia ha detto...

direi che la apprezzo decisamente di più ora che sono adulta...all'epoca un pò meno;-DD

Suysan ha detto...

Sono d'accordo con Aglaia che ha commentato sopra a me...quando andavo a scuola trovavo la divina commedia difficile da capire e pesante, ora l'apprezzo molto di più!

minerva ha detto...

mibemolle: anchio ho un prof di italiano eccelso, l'ho detto mille volte e lo ripeterò fino a sfiancarmi.
Aglaia: io però non la studio a scuola, la sto leggendo a casa nell'intimità delka mia casa.
Suysan: vedi il commento di Aglaia...