giovedì 25 febbraio 2010

scorcio di primavera

Oggi si tocca la soglia dgli 11°. Non so spiegarvi la mia gioia incondizionata, il piacere di un leggero senso non dico di tepore, ma almeno, di non star gelando. E quindi, ero stranamente di buonumore nonostante il mal di testa. E poi, oggi la lezione di musica era molto interessante, come sempre. Si parlava della tosca, della sua trama e del fatto che il prof andrà con una quarta media a vederla al teatro di Zurigo. E vedere l'opera, con un insegnante che adoro, tutta agghindata perché è obbligatorio vestirsi in maniera elegante. Ok, mancano due anni. Ho ricevuto una notizia un po' così: sono l'unica della mia classe a fare latino, ma dico, non c'è nessuno, e dico nessuno, che voglia avere un po' di cultura?
Bah, vogliono schivare l'osso. E siamo in due o tre che fanno francese. Che è una lingua che ci portiamo avanti dalle elementari. Ok, abbiamo una prof che è una macchina da guerra, ma comunque, un livello di francese come quello che ci fa raggiungere non lo dà nessun docente della nostra scuola... Ho scritto un post in quasi un ora, fra esercizi di francese, diario e messenger.
ed ora vi abbandono...
Minerva

2 commenti:

Suysan ha detto...

A Roma ieri sembrava veramente arrivata la primavera, oggi c'è un pò di vento ma si comincia già a respirare un'aria diversa...forse ci siamo, arriva questa benedetta bella stagione!

Federica ha detto...

fare un po' di latino è decisamente utile per iniziare il liceo... fai bene ad approfittare di questa possibilità!