domenica 2 maggio 2010

via col vento (Margaret Mitchell)

Il film lo conoscete tutti, credo. E se non lo conoscete, leggete prima il libro. Perché attualmente è meno letto, ed è talmente bello da togliere il fiato. È incredibile come i personaggi siano affascinanti, come la trama ti porti con sé, in una mareggiata. Sono ottocentonovantadue pagine, e questo non è molto incoraggiante. Io onestamente non sapevo quanto fosse spesso questo tomo, e quindi, credendo di leggere un secondo orgoglio e pregiudizio, mi sono immersa fra le pagine di via col vento. È solo che non è orgoglio e pregiudizio. È molto, ma molto meglio. Non amo la Austen, troppi dialoghi e poche descrizioni.
Ed in questo libro, anche se non ci sono tantissime descrizioni, sono meravigliose. Ve ne riporto una, la migliore, per farvi un assaggio del romanzo, così potrete darvi un’idea di come scrive questa donna. Non scrivo la trama, la conoscete tutti, e se non la conoscete, cercatela su internet, che la troverete di sicuro.
Era vestito di panno nero, alto in modo da superare tutti gli ufficiali che gli erano accanto. Con le spalle larghe, ma la vita sottile, ed i piedi assurdamente piccoli nelle scarpe verniciate. Il suo abito severo, con la camicia pieghettata ed i calzoni allacciati sopra le uose molto alte contrastava stranamente con il suo volto e con la sua figura. Appariva tutto agghindato, con gli abiti da dandy sul corpo da atleta e segretamente pericoloso sotto la sua graziosa indolenza. Aveva i capelli nerissimi e i baffi piccolini, anch’essi neri, tagliati corti, come quelli di uno straniero, in paragone a quelli lunghi e sfioccati degli ufficiali di cavalleria che gli erano accanto.Sembrava ed era un uomo dai viziosi appetiti svergognati. Aveva un aspetto di sicurezza e di spiacevole impertinenza. Vi era anche un lampo di malizia nei suoi occhi che fissavano audacemente Rossella.
Eddai, è accattivante, non trovate?
Devo dire che pensavo che questo libro fosse un romanzetto rosa, solo molto lungo. Invece, mi sono trovata davanti a dei personaggi dalla mentalità complessa, situazioni difficili e soprattutto, delle dinamiche sociali esemplari. Diciamo che non è un libro da leggere quando non si ha un po’ di tempo libero. Per quel che mi riguarda, l’ho letto durante le vacanze di Natale, e ci ho impiegato una settimana. È poco, ma non facevo altro che leggere. E le ultime pagine? Le ultime pagine sono il momento di resa dei conti con il libro. Nessun romanzo mi aveva fatto sperare così ardentemente che la storia d’amore andasse a buon fine. Non ho mai tenuto particolarmente alle vicende romantiche dei personaggi, o solo al modo con cui venivano trattate o alla complessità del rapporto. Invece qui sono stata assorbita dalle gesta di questi due eroi, perché di eroi si tratta.
Non posso dire altro, che sennò rovino la bellezza del libro.

Spero di avervi incuriositi!!
Baci
Minerva

4 commenti:

PaolaFrancy ha detto...

mi hai incuriosita sì!
della austen in realtà ho letto solo "orgoglio e pregiudizio" ... a me piace, la trovo molto ironica e moderna per la sua epoca.
sicuramente andrò a prendere "via col vento" - tu leggi in inglese? perchè è molto meglio per questi romanzi.

e la letteratura russa? non ti piace? io ho studiato russo all' università - è pesante come letteratura, ma è vastissima e ci sono dei veri capolavori. non tutti hanno all' interno storie d' amore e devi prepararti ad un po' di tristezza, ma spesso ne vale la pena.

ciao! paola

p.s. non voglio sembrare troppo indiscreta ma sto preparando una sorpresa per te e ho bisogno di sapere una cosa: credo che tu non veda dalla nascita, ma volevo una conferma, per non fare un lavoro inutile e darti delle informazioni che hai già - se non ti va di rispondermi qui, puoi farlo a questo indirizzo: paolafrancy07@gmail.com

grazie e
un abbraccio, paola

Kylie ha detto...

Io ho visto solo il film.
Grazie per il sugggerimento!

Buona settimana

minerva ha detto...

Paola: no, di letteratura russa non ho letto niente. avevo preso il dottor zivago, ma è ancora lì, probabilmente lo leggo quest'estate. Sì, non vedo dalla nascita. Mi hai stuzzicato con questa sorpresa!
Kylie: prego, figurati!

MammainblueJeans ha detto...

da che ho letto il libro il film non mi piace più...