venerdì 2 luglio 2010

e si riparte

Ebbene sì... i miei sondaggi non sono finiti. Quello del mese scorso non avrà risultati. Nel senso, che non essendo un sondaggio a risposta multipla, ma si poteva scegliere liberamente il personaggio in cui ci si era immedesimati maggiormente. Anche questa volta sarà così. Solo, che per fortuna vostra questo non è un sondaggio letterario delirante. è un sondaggio letterario, però. Ma un po' più semplice, credo.
Qual è la fiaba/favola della vostra infanzia che vi ha colpito di più a quell'età e perché?
Si possono scegliere massimo due fiabe, se proprio ci tenete.
Io senza indugio rispondo il brutto anatroccolo. Ho adorato le anatre per tutta l'infanzia, e la colpa è solo di quella fiaba. Molte volte quando mi si chiedeva qualcosa rispondevo:
"qua qua!"
era la mia fiaba preferita perché ho adorato la figura del povero brutto uccellino spennacchiato che poi è diventato un cigno candido e meraviglioso. E poi c'è stata la prima volta e l'unica volta in cui ho tentuo in braccio un'anatra che mi ha fatto adorare quel racconto. Ero in campagna, dalla Nonnacastana. Mi ricordo che tenni in braccio quel volatile per ore, o almeno, il mio ricordo è quello, anche se credo che saranno stati cinque minuti o qualcosa del genere. Poi, pochi giorni dopo, morì. Coincidenza del cavolo, avevo appena tentuo in braccio il mio animale preferito e poi uno o due gironi dopo era moroto. Adesso ci rido sopra, ma quando ero bambina questa cosa m'intristiva.
Adesso, non vi resta che votare!
baic
Minerva

5 commenti:

Suysan ha detto...

Da piccola mi facevo sempre raccontare la favola di Hansel e Gretel...mi affascinava la furbizia della bambina che vinceva sulla strega cattiva, ricordo che rimanevo in ansia per tutto il racconto anche se sapevo come andava a finire!!!

IlFioreDelMale ha detto...

Nemmeno a farlo apposta, "Il brutto anatroccolo" è anche la mia favola preferita!
La prima volta che me la raccontarono piansi, e da allora non ho mai smesso di immedesimarmi in quel brutto anatroccolo che un giorno diventerà cigno.
Quando avevo quattro anni non potevo certo immaginare che "Il brutto anatroccolo" sarebbe stata in poche parole la storia della mia vita... solo che io non ho ancora spiegato le mie ali da cigno ;)
Un bacione sorellina telepatica =)
Ti voglio bene
IlFioreDelMale

Federica ha detto...

io aveo una passione per i tre porcellini e biancaneve!!

Castagna ha detto...

"Fratellino e sorellina": credo fosse nella raccolta di Perrault.

Symosymo ha detto...

Anch'io i tre porcellini.
Più che altro mi stava antipatico l'ultimo porcellino che, a mio parere, non aveva gran senso pratico: invece di rimproverare i primi due per la loro indolenza, di fatto costruire case di paglia o di legno, costa comunque della fatica e loro, giovani ed inesperti, un po' di buona volontà ce l'avevano messa, non li istruiva sui misteri dell'edilizia, per lui senza segreti e non li aiutava a costruire delle case solide, o meglio, non costruiva con loro una grande casa dove abitare tutti insieme. EGOISTA E PIGNOLO!