sabato 31 luglio 2010

troppe idee tutte confuse

Tornata ieri da questo soggiorno in Svizzera francese. Ero a Villars sur Ollon, incantevole paesino bucolico che vive di questi collegi. Tutto qua quel che devo raccontare. Nel senso che dopo arriveranno i fiumi di parole. Ora non mi sento in grado di scrivere. Troppo confusa, stanca e soprattutto, con tanta voglia di mangiare bene (mai mangiato così da schifo per dieci giorni consecutivi). Basta. I racconti verranno con il tempo.
Domani vedo il mio specchio d'acqua color cobalto. Mare. Mare. Ho un bisogno fisico di leggere e di nuotare all'infinito. Ho un bisogno fisico del pesce e della frutta che in collegio non c'era. Ho bisogno anche di stare a lungo supina sotto l'ombrellone a leggere e di cannotare le chiacchere delle madri in spiaggia, una di quelle cose che amo fare fin dalla tenera età.
Ed ho bisogno di gente. Di gente che al mare è più rilassata, che non va con i piedi di piombo come in città, di gente con cui parlare che forse non rivedrò mai più. Bisogno di cene in albergo a strafogarsi di pesce e di anguria. Svegliarsi presto presto perché la mattina porta consiglio e scrivere dalle sei alle otto del mattino, facendo gli ultimi compiti senza il solleone. Di colazioni a base di frittelle calde, di mattinate in spiaggia passate ad ascoltare Baglioni (che tralaltro se mai capiterà in zona Milano andrò a rivederlo), di tramezzini e granite. E poi si dice che in estate la fame diminuisce. Per me è il contrario. La primavera mi toglie l'appetito. L'estate per niente. Queste tre settimane voleranno, purtroppo. Voleranno fra alti e bassi. E poi mi resteranno sette giorni, il 30 agosto ricominceranno le scuole. Ma questi sette giorni non intendo passarli in vano a casa. Sono già iscritta ad un corso di Babisitting assieme a Scricciolo. Forse, a causa della mia cecità, non potrò mai fare la tata. Ma di sicuro, questi quattro giorni di lezioni mattutine non saranno spesi in vano. In primo luogo, perché potrò stare un po' con la mia amica che a causa del pattinaggio non ha mai tempo. E poi, perché ho voglia di conoscere nuova gente, di comprendere le esigenze dei bambini (che alla fin fine adoro) ed imparare qualche cosa di pratico tipo vestire un bimbo perché non ho mai giocato con una bambola, quindi non ho bene idea di come si vesta una persona.
E poi ricominceranno le lezioni. Non vedo l'ora. Latino, inglese, cucina. Le nuove materie dell'anno. L'unica cosa che mi dispiace tantissimo è la riduzione delle ore di musica, perché invece di due ore sarà solo una. Mi dispiace. Perché io il mio prof lo adoro. L'ho sempre adorato. Ecco, voglio ritrarre tutti i miei insegnanti, quando inizierà la scuola.
Bene, domani Sardegna. Quella terra che adoro. Quel mare troppo trasparente in cui mi perdo, voluttuosa e dolce. Avrò connessione, questo è sicuro. Ma Ma non so se avrò voglia di scrivere.
Baci
Minerva

7 commenti:

Erica ha detto...

Bentornata piccola! Beata te che te ne vai in Sardegna, terra meravigliosa! Anche io avrei di nuovo bisogno di un pò di mare&relax! Buona vacanza allora! Bacio!

IlFioreDelMale ha detto...

Bentornata, mi sei mancata un sacco!
Fai bene ad assaporarti tutto ciò che in Svizzera non ti sei potuta godere, e buona vacanza in Sardegna, io ci sono stata da piccola ed è davvero ottimo come posto: un mare stupendo, si mangia benissimo (a quell'epoca non avevo ancora di sti problemi e mangiavo proprio come una piccola vacca in calore ** ) e la gente è simpatica ed accogliente!
Ti mando tutti i miei più sinceri auguri!
Un abbraccio forte forte
IlFioreDelMale

PaolaFrancy ha detto...

Ma ciao! E bentornata!!!
Sono arrivata troppo tardi per il tuo post precedente e me ne scuso ancora.
Appena riusciro' girero' il premio. Ora sono troppo presa da un turbinio di cose che ho voglia di raccontare sul blog...
Divertiti tanto in Sardegna.
E poi...ancora complimenti perche' sei veramente una ragazza matura che ha voglia di mettersi sempre in gioco. Ora anche con il corso di babysitting! Fantastico!
Aspetto tutti gli aggiornamenti.
Un abbraccio, Paola

Aglaia ha detto...

goditi la Sardegna anche per me,mare che adoro!!
libera la mente e rilassati!
un abbraccio:-)

Veggie ha detto...

Bentornata Minerva!
Io penso che tutte le esperienze che facciamo ci arricchiscano e ci regalino qualcosa... ci facciano, a loro modo, crescere... Poi si torna, e scopriamo che c'è ancora tanto davanti... ma che quel che abbiamo fatto ci ha cambiato qualcosa dentro, e ci dona una nuova luce con cui esplorare tutto ciò che ci sta intorno...

Lunga ha detto...

bentrovata Minerva!!!
ti avevo un pò perso coi feed ma adesso che sono tornata a blogger con il nuovo blog non mi perderò un post!
PS: il mare fa miracoli!

Federica ha detto...

che bella la sardegna!!!!