mercoledì 17 novembre 2010

scenetta n°2

Continua la rubrica ad uscita irregolare che raccoglie le gaffe, gli equivoci e quantaltro relativi alla mia cecità.
Stavolta vi riporto una chicca di quelle divertenti (ed anche parecchio).
Ora di francese: premetto che ho la stessa prof da tre anni, che mi conosce e che di gaffe ne ha già fatte parecchie...
C'era una scheda in cui dovevamo mettere i sinonimi degli aggettivi....

C (compagna un pochino inebetita): ma professoressa, noi i contrari degli aggettivi non li sappiamo! (notare che bisognava mettere i sinonimi)
prof: ma devi mettere i sinonimi, C!
La stessa situazione si ripete con S. e D.
Prof: (voce alteratissima, che si è fatta sentire da tutta la classe): ragazziiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii!
Bisogna essere: ciechi, orbi, diversamente abili, non vedenti (insomma, li ha detti tutti i sinonimi relativi alla cecità) per non vedere che c'è scritto sinonimi!
Io non m'offendo perché queste cose capitano se non quotidianamente, quasi.
Ma in maniera così eclatante non mi era ancora capitato...
Per poco non scoppiavo a ridere in accia alla prof...
Certo che il tatto non è una cosa comune a tutti!

6 commenti:

Allegra ha detto...

Bah, certo che a volte non sai proprio cosa aspettarti! Vai avanti Minerva! Tu sempre avanti! :))) un abbraccio!

Pepe ha detto...

Le gaffe... ah! le gaffe! Sono figlia di una donna che è la maestra delle gaffe! Non si scomoda, se non sono gaffe da manuale! Pensa che una volta davanti ad ospiti francesi ha invitato il loro figlio quindicenne "Venir chier avec nous sur la neige", a momenti mi strozzo con gli speghetti! "Mamma", le ho detto allora sottovoce, "li hai appena invitati a venire a cagare con noi sulla neve!", "Nooooo!!!!" ha strepitato mia madre arrossendo fino alla punta dei capelli e facendo scrosicare la tavaola in una fragorosa risata. Compatisici chi fa le gaffe... sapessi come ci restano male, quando se ne accorgono! :-)

Lunga ha detto...

forse chi è dall'altra parte (la parte del - per citare la tua prof- cieco, orbo, diversamente abili ecc.) non la vede così, però a me sembra che una gaffe così denoti anche il fatto che tutto sommato non ti sentono come una diversa e non stanno sempre sul chi va la per non fare figuracce! forse è una gaffe "buona"!

L'inverno di June ha detto...

Beh può capitare e si puo anche ridere su..se fatto in buona fede e questo credo sia il caso. ;)

Federica ha detto...

forse ha ragione Lalunga sai!

io al liceo avevo un amico sulla sedia a rotelle dalla nascita.. un giorno mi stava facendo girare le balle come capita tra amici e cosa gli dico -se non la smetti ti faccio correre!

mentre lo dicevo ho pensato alla gaffe che stavo facendo e sarei voluta sprofondare :(

minerva ha detto...

Infatti... Ci rido sopra e penso proprio come Lalunga...
Ma quel che mi ha fatto sorridere è il fatto che lei non se ne sia minimamente resa conto!