mercoledì 1 febbraio 2012

Lascia che sia
tutto cosi'
e il vento
volava
sul tuo foulard
Avevi gia'
preso con te
le mani
le sere
la tua allegria
non tagliare i tuoi capelli mai
mangia un po' di piu' che sei tutt'ossa
e sul tavolo fra il the e lo scontrino
ingoiavo pure questo addio...
Lascia che sia
tutto cosi'
e il cielo
sbiadiva
dietro le gru
no non cambiare mai
e abbi cura di te
della tua vita
del mondo oh
che troverai...
cerca di non metterti nei guai
abbottonati il palto' per bene
e fra i clacson delle auto e le campane
ripetevo: non ce l'ho con te
e non darti pena sai per me
mentre il fiato si faceva fumo
mi sembrava di crollare piano piano
e




tu piano piano te ne andavi via
e chissa' se prima o poi
se tu avrai compreso mai
se ti sei voltata indietro
e chissa' se prima o poi
se ogni tanto penserai
che son solo (STACCO)
e se adesso suono le canzoni
quelle stesse che tu amavi tanto
lei si siede accanto a me sorride e pensa
che le abbia dedicate a lei
e non sa di quando ti dicevo:
mangia un po' di piu' che sei
tutt'ossa non sa
delle nostre fantasie del primo giorno
e di come te ne andasti via...
e chissa' se prima o poi
se tu avrai compreso mai
se ti sei voltata indietro
e chissa' se prima o poi
se ogni tanto penserai
che io solo...
resto qui
e cantero' solo oh
camminero' solo
da solo oh
continuero'
(C. Baglioni)
Non prendetela come niente, questa. Non esprime né il mio stato d'animo, solo... Una delle più belle canzoni che sento in questi giorni ed il testo mi piace tanto tanto.
Minerva

1 commento:

Non si dice piacere - La moda passa, lo stile resta ha detto...

bella. davvero bella.

http://nonsidicepiacere.blogspot.com/