giovedì 1 marzo 2012

01/03/12

Non è una data come 3/3/43.
Non è il 1943, ma è ancora marzo.
Oggi quando ho saputo che Lucio Dalla era morto ho pensato ad uno schezro.
Son rimasta scioccata.
il prof di italiano ci ha fatto sentire la sua "anno che verrà", che era l'unica canzone sua che aveva su cd.
"Sapete, ragazzi. Ho sentito alla radio ch'è morto Lucio Dalla."
Io sono rimasta lì, ad occhi sgranati, dicendomi: "ma io l'ho visto a Sanremo neanche due settimane fa."
E poi ho pensato a quante volte l'avremo sentita, quella raccolta di sue canzoni comprata da mia mamma anni fa.
Ho pensato alle canzoni cantate in macchina ed alla mia mamma ed alla Tata che lo adoravano, mentre mia nonna alzava le spalle e se le parlavi di lui diceva: "oh, il bolognese...".
Io sono cresciuta ascoltandolo. No, non tutte le canzoni.
Non è stata una presenza musicale fondamentale come lo è stato Baglioni o de Andrè.
Però mi ricordo che la sua "4/3/43" l'ho cantata tante volte.
E mi ricordo tante cose, ora come ora.
La Tata che, nelle poche sere in cui miei uscivano e lei restava a casa con noi, accendeva la radio e se partiva una sua canzone si metteva a cantarla male. E lo faceva così male che il cane uggiolava e si rannicchiava sotto al tavolo.
Mi ricordo che a novembre quando sono andata a vedere Paul McCartney Dalla diceva in un'intervista: "Lui è il mio maestro. Ogni brano mi è stato ispirato dalle sue composizioni.". Ed io lì a fare spallucce e pensare: "Sì sì, come no. Ma Paul ti fa un baffo, ragazzo mio."
E questo è tutto quello che ricordo di lui. Ed io quando muore un personaggio pubblico qualche riga su di lui la voglio spendere.
Lo voglio ricordare con questo piccolo post che racconta poche esperienze con come colonna sonora la sua musica.
È morto anche nel mio paese, poi. Montreux, dove Freddie Mercury ha registrato il suo ultimo disco e dove c'è una statua ancora in suo onore.
Chissà se la faranno anche del cantautore bolognese. Ci starebbe bene, accanto a quella dell'ex Queen.

Minerva

2 commenti:

Federica ha detto...

anche io quando l'ho saputo ero incredula...
ha fatto un pezzo di storia della musica italiana e anche di quelli che la amano!

Lunga ha detto...

mi è dispiaciuto tanto, io sono stata fortunata perchè ho visto un suo concerto.