venerdì 31 agosto 2012

-3

Sono in prima L.
Oggi son uscite le classi e son andata al liceo.
Prima L. L come latino, letteratura, come il nome della mia nonna, L di Lennon, di Lucy e, perché no, di libertà.
Strano vedere il liceo pieno. Sono andata con mia mamma per dei sopralluoghi e per fare i vari percorsi al suo interno in orari di vuoto e silenzio totale.
Ora come ora dovrò barcamenarmi fra zaini, voci, gambe. E col bastone non è facile, I know.
Sono così felice di non conoscere quasi nessuno della mia classe.

Solo V., la ragazzina della classe vicina fissata con il francese, dannatamente perbenino, che parla poco poco e quando alza la mano mai che parli a sproposito.
Io, che quando sono a disagio parlo a macchinetta e non riesco umanamente a stare zitta, sono sempre scioccata da quanto poco parli (ma credo la cosa sia reciproca).


Signorina Perbenino le si addice, come soprannome. Anche se in senso dannatamente buono, perché io e lei siam sempre andate d'accordo.
Ed L., che suona la chitarra, che mi vuol combinare a nozze con suo fratello che "è come te, vuole studiare storia e suona il basso fino alle due di notte (io ho la vaga idea di cosa sia un basso, ma credo di non averne mai toccato uno, non so che analogia trovi fra me ed un basso).
Staremo in banco insieme, penso. è dannatamente serio, parla poco ed è l'unico con la media più alta della mia (non lo bastono per quieto vivere XD).
E poi c'è l'altro L., che, a quanto ho capito, è figlio di una storica amica di mia mamma. Peccato che noi due negli anni ci sarem visti tre volte, e non spiccicavamo parola l'uno con l'altra. Son agenti della CIA, le mamme tutte gongolanti che "i nostri figli sono in classe insieme" e sono sicura che lunedì mattina chiacchereranno tutto il tempo mentre noi due a stento sapremo che dirci.

Il resto sono nomi nuovi. Gente proveniente dai paesi limitrofi o appena trasferitasi, di cui non ho mai sentito parlare.
Secondo voi, tral'altro, Nadir è un nome da maschio o da femmina? Voglio dire... Dovrei chiamare la mia migliore amica. Sapere dov'è andata a finire, in che classe, chiaccherare un po' ed augurarle buona fortuna. Ma non ne ho voglia, chissà perché.
Un po' perché lei non mi ha cercato per tutta l'estate e sono sempre stata io a scriverle.
La chiamerò domani mattina, magari. Sempre che non sia in equilibrio su due lame a sfidare il ghiaccio anche a fine agosto.
Oggi son andata a vedere se funzionava il computer. Perché ho già il mio angolino con computer, barra braille, stampanti e quant'altro. Secondo il computer che parla li traumatizzerà a tal punto che nessuno mi si siederà vicino a meno che io non glie lo chieda (cosa che conto di fare col primo che capita, più o meno).
So già che il bastone, di sguardi, ne attirerà fin troppi. è inevitabile. Muoversi inosservata, anche fra la folla, con un bastone bianco e l'aria un po' persa è impossibile.
Non nego che talvolta gironzolare anonima e mezza invisibile per i corridoi mi piacerebbe. Senza essere continuamente oggetto di battute o anche solo di occhiate di curiosità piuttosto neutra.
Oggi ho urtato di striscio un tipo che mi ha urlato: "Ma chi cazzo sei?". Non nego di essere stata divertita dalla cosa, però, un minimo di invisibilità, Dio!
Anche perché non so né come né se devo presentarmi.
"Ciao, mi chiamo C. e non ci vedo.". Fantastico, no, come inizio? Passerei per egocentrica.

Non so se dire niente sia la migliore delle soluzioni, non lo so.
So che mi preoccupo, questo lo so benissimo. Che poi alla fine andrà tutto bene lo so, ma ora come ora un po' di mal di pancia c'è ed è anche giusto, credo.


Fra settantadue ore starò qui, fissando la pagina bianca di blogger, a raccontare il mio primo giorno di liceo. Sembra ieri che a marzo facevo il conto e mancavano centottanta giorni e passa. Mamma mia.
Domani voglio pubblicare un post importante, e spero di riuscire a finirlo.
Voglio parlare e raccontare di una di quelle persone che mi è stata più vicina e lo sarà ancora.

Kisses
Minerva

1 commento:

L'antipatica ha detto...

gentile il tipo con cui ti sei scontrata... da un lato non conoscere nessuno è positivo, ti spingerà a fare nuove amicizie. sii te stessa e tranquilla, saranno tutti intimoriti.
in bocca al lupo!