venerdì 21 febbraio 2014

sanremo serate due e tre

Non lo so, cosa pensare di questo san Remo. Passo le mie serate guardando i commenti che fa la gente su twitter per tirarmi su il morale, perché è tanto deprimente, ma proprio tanto. Però l'unica canzone di cui mi ricordavo la melodia, a distanza di un giorno, è quella di rEnga. Perciò deduco che, per me, è la più orecchiabile, anche se non mi fa impazzire. Ho guardato Baglioni, però, e mi sono divertita. Dovete sapere che io conosco ogni canzone di Baglioni a memoria. E non per mia scelta, non del tutto, perché mio fratello stravede per Baglioni, ascolta solo lui e ci tormenta con tutte le sue canzoni (anche quelle più terribili e angoscianti che possiate immaginarvi) tutti i giorni. Perciò quando l’ho visto a san Remo io mi sono messa a cantare come una cretina tutto le canzoni che ha fatto, compresa la canzone nuova che è molto più orecchiabile di tutte le canzoni che abbiano cantato a san Remo quest’annno. Per il resto non ho ancora visto una puntata per intero, e quella che inizierà fra poco è sempre la mia serata preferita, perché rifanno tante belle canzoni, e io faccio schifo in quanto a cultura musicale italiana attuale, ma se fanno qualcosa anni ‘60/70/80 io attacco a cantare come una demente, e ripongo tante, troppe aspettative, in questa serata. C’è mio papà che sostiene che dovrebbero scegliere ospiti più giovani, e che l’Italia in questo senso è sempre rivolta al passato. Però io mi chiedo… se non venissero ospiti come la Carrà, che ha tenuto compagnia a più generazioni di persone e fa ancora abbastanza simpatia, chi è che guarderebbe il festival? Poca gente, credo, perché una volta sentite le canzoni e decretato che “boh, fanno abbastanza pena”, io avrei spento, se non fosse per gli ospiti e per quel poco che fa e dice la Littizzetto, che a me sta simpatica anche se prevedeo ogni sua battuta. Però san Remo è san Remo, perciò io lo guardo sempre. Anche se Noemi non mi ha vendicata, anzi, e la canzone di de André junior che è stata scartata era molto più bella di quella scelta dal pubblico, anche se lui tende a starmi antipatico, e non sarà mai come il papà, e so che è stupido paragonare un artista a suo padre ma credo, sinceramente, che sia inevitabile, soprattutto per me che con de André ho passato mezza infanzia e un’adolescenza. Bene, passo e chiudo. Queste sono tutte le mie illuminanti considerazioni su un festival he ho visto a metà, mi ha fatto un po’ pena e mi ha messo tanto, ma tanto sonno. Però da brava incoerente quale sono io me lo guardo tutto.  Baci Minerva

2 commenti:

Federica ha detto...

io lo trovo molto lento... non mi entusiasma!

ps.renga e giusy per me son i migliori, ma non son pazza delle loro canzoni

maris ha detto...

Ciao! Ben tornata a postare :-)
Non so se ti ricordi di me, ci siamo scambiate una "visita" ai nostri ripsettivi blog un pò di tempo fa.
Io sto seguendo Sanremo a tratti, non mi ha coinvolto più di tanto ma qualcosa si può salvare forse.